Home Chi siamo

 

La Lupa Capitolina

 

Lupa Capitolina, Musei Capitolini

 

 

ORIGINI E STORIA

Le professioni tecniche hanno avuto riconoscimento giuridico con la Legge 24 giugno 1923, n° 1395.

Una ricognizione sulle nostre radici ha fatto scoprire un documento Regolamentare dello Stato Pontificio datato 25 giugno 1823 ad opera di SUA SANTITÀ PIO VII; documento che, sebbene più antico di 100 anni rispetto a quello del Regno d'Italia, del 24 giugno 1923, è ancora oggi di grande attualità per i suoi contenuti.

Nel 1931, ai sensi della Legge 24 giugno 1923, n° 1395, veniva istituito il "Sindacato Corporativo" dei Periti Industriali della Regione Lazio, aderente alla Confederazione Nazionale dei Professionisti e degli Artisti.

Nel 1945, dopo il periodo bellico, ed a seguito della decadenza del sistema corporativo, in Roma - Via Conte Verde 51, presso l'allora Istituto Tecnico Statale "Carlo Grella", attuale I.T.I.S. "Galileo Galilei", veniva istituito il Collegio dei Periti Industriali del Lazio.

Per 35 anni il Collegio ha avuto l'onore e l'onere di tutela, disciplina e salvaguardia della professione nella Regione Lazio, fino al momento in cui le province di Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo, costituivano propri autonomi collegi: era il 1980.

 

I collegi professionali, come ha precisato la Cassazione a Sezioni Unite, sono da considerarsi enti di diritto pubblico, in relazione:

  • alla loro costituzione prescritta dalla legge;
  • all'obbligatorietà dell'appartenenza ad essi per gli esercenti la professione;
  • ai controlli ed interventi statuali cui sono sottoposti;
  • alle loro funzioni pubbliche, che svolgono mediante i rispettivi Consigli quale loro attività esterna preminente (tenuta dell'albo professionale ed emanazione dei relativi provvedimenti ed atti, esercizio della potestà disciplinare nei confronti dei professionisti, esercizio del potere tariffario).
 

Foto dell'interno di San Pietro

Basilica di San Pietro, cupola

 

 

 


2001 - LXX ANNIVERSARIO DELLA ISTITUZIONE

 

Settanta anni non hanno logorato, nè scalfito, l'immagine e la vitalità del Collegio Professionale Periti Industriali di Roma e Provincia.

Quasi un secolo nel Segno dell'Uomo: una bella scommessa per rideclinare nel nuovo millennio lo spirito di una categoria, ancora oggi capace di riverberare la propria affidabilità sul paesaggio sociale e urbano che la circonda.

Gli Iscritti all'Albo Professionale possono essere fieri dei loro padri, per la tradizione di un patrimonio umano e di lavoro avuto in eredità. A cui si sommano esperienza, fatiche e relazioni, vissute sul territorio e a fianco di Istituzioni, pubbliche e private, vocate a perseguire l'interesse collettivo.

Da qui riparte, oggi, una fase storica nuova, che è diversa rispetto a 70 anni fa, perchè i tempi non sono gli stessi. E bisogna convivere con eventi straordinari in ogni campo. Imparando una imprevedibile normalità nel mondo che cambia, come la visita del leader Palestinese YASSER ARAFAT al IX Congresso Nazionale dei Periti Industriali, un evento straordinario.